venerdì 11 Novembre 2022 - h 10:37

SHARE

Il BFC 1909 Futsal continua a correre: la direzione è il Balca Poggese

Il Bologna scrive una bellissima pagina del suo campionato vincendo, in uno scontro pieno di pathos, la gara contro la ex testa di serie Olimpia Regium. Il ricordo, ancora vivido, deve ora lasciare il posto al prossimo obiettivo dei rossoblù: il Balca Poggese, a cui andranno a far visita domani, alle ore 16, presso il Palazzetto dello sport di Baricella. La 7^ giornata di campionato metterà a confronto due allenatori/amici, quali Alberto Carobbi e Velimir Andrejic (dapprima giocatore del tecnico rossoblù ai tempi del Prato), due compagini altrettanto avide di punti: il Bologna, balzato al 2° posto con 16 punti, due in meno della prima in classifica; il Balca Poggese, terzultimo con un bottino di tre punti da rimpinguare.

Per la squadra di Vezza, tecnico serbo con una lunga e brillante carriera come giocatore prima (Bologna e Prato) e come allenatore poi (Kaos e Imola), l’avvio di campionato si è rivelato irto di ostacoli: cinque sconfitte e una sola vittoria, contro la Mattagnanese, con cui condivide la terzultima posizione. Nella rosa di Poggio Renatico, mix di giovanissimi ed esperti, spiccano Toschi (’98), ex compagno di squadra in Aposa per diversi rossoblù, Pozzi (’86’), new entry e volto noto nella categoria, Qerreti (’97), albanese col fiuto per il goal, e Conti (’92), conoscitore anche delle categorie superiori. Nella gara contro il BFC Futsal, mister Vezza non potrà schierare proprio Conti, che dovrà scontare una giornata di squalifica.

Il Bologna scenderà in campo per confermare i risultati sin qui ottenuti, conscio della pericolosità di un avversario mosso dalla volontà d’interrompere la scia negativa. Se la presenza di Ansaloni, autore di una tripletta contro l’Olimpia Regium, è in dubbio, a dar man forte ai compagni ci sarà Matteo Beltrami, capace, sabato scorso, d’imprimere alla gara l’accelerazione decisiva. Nato a Ferrara nel 1999, Matteo fa il suo ingresso nel calcio a 5 dalla porta del Kaos, prima fra gli Allievi, poi nella Juniores dei mister Vezza e Ghedini: ne diventa capitano, portandola alle Final Eight Scudetto. Intanto conosce mister Carobbi nel Torneo delle Regioni. Milita nella prima squadra del Balca, nell’anno della promozione in C1; successivamente il trasferimento al Sant’Agata Futsal, dove resta quattro anni, indossando per due, giovanissimo, la fascia di capitano. Con la maglia del Bologna, il suo presente, ha già due goal al suo attivo.

Di seguito, le sue dichiarazioni:

«Quest’anno ho deciso di mettermi in gioco e ho scelto una società che punta in alto e una divisa, quella rossoblù, per cui lotterò: le grandi opportunità vanno onorate.

Abbiamo uno staff fatto di ottime persone che ci spronano a dare sempre tutto, perché, se si fa bene una cosa, la volta successiva la si può fare meglio. Stanno creando, per noi e insieme a noi, quell’alchimia che ci renderà un grande gruppo.

Contro l’Olimpia Regium si respirava il clima delle grandi occasioni, con un pubblico che ha fatto la differenza: quei cori, quel suono del tamburo ci facevano credere che potevamo farcela e così è stato. Avevamo la mentalità giusta, ovvero l’elemento che fa la differenza in campo, a prescindere dalle doti tecniche. Come dice il nostro vice mister, Enzo Giambrone: “Con la palla si gioca, senza la palla si lotta”.

Domani giocheremo contro una squadra che si conosce bene, visto che si tratta di un gruppo consolidato, con un mister di grande esperienza. Vengono da tre sconfitte, di cui l’ultima contro il Real Casalgrandese: vorranno vincere e noi non dovremo fare l’errore di prendere sottogamba la partita. La realtà è che tutte le gare cominciano con uno 0 – 0 e valgono tre punti, quale che sia la posizione in classifica. Dobbiamo scendere in campo concentrati, senza timore: siamo sempre noi il nostro primo nemico».

L’Under 19, dopo il turno di riposo, è in casa del Real Casagrandese per la 7^ Giornata di Girone G: domenica, ore 11, padroni di casa quinti in classifica con 8 punti; rossoblù, invece, ottavi a 6.

SHARE