mercoledì 02 Dicembre 2020 - h 14:03

SHARE

BFC nel mondo: il club di Miami

La fede per i colori del Bologna non ha confini, lo sa bene Wendy Cacciatori, tifosissimo rossoblù trapiantato a Miami, dove ha aperto il ristorante “Via Emilia 9”, portando negli Stati Uniti i sapori della cucina emiliana e i colori del Bologna. Da un anno e mezzo infatti il locale di Wendy è diventato anche il punto di ritrovo del Club Rossoblù Miami.
“Siamo un club giovanissimo, nato da poco, ci ritroviamo per guardare insieme le partite del Bologna e per gustare il cibo di casa” – ci racconta Wendy, Presidente di questo gruppo di bolognesi che vivono nella città della Florida.
“L’idea di fondare un vero e proprio club era già nell’aria cinque anni fa, quando parlando con amici tifosi del Bologna che vivono a Miami, sognavamo di fondare il club Rossoblù. Poi un anno e mezzo fa è capitato a cena nel nostro ristorante l’ex attaccante del Bologna Massimo Marazzina che oggi come noi vive oltreoceano, parlando della squadra di Casteldebole siamo diventati amici e proprio lui ci ha fornito alcuni preziosi contatti per trasformarci da semplice gruppo di supporter in un vero e proprio club”.
Oggi il Club Rossoblù Miami conta un centinaio di adepti tra tifosi e simpatizzanti, compreso qualche americano contagiato dall’entusiasmo di questo gruppo di bolognesi fuorisede.
“Noi siamo felicissimi di poter tifare la nostra squadra del cuore anche oltreoceano. Talvolta quando è qui in vacanza con la famiglia il Presidente Joey Saputo ci fa visita e commenta con noi le gesta della squadra tra un tortellino, una tagliatella al ragù e una lasagna. Abbiamo un grande Presidente”.
Sono più di ottomila i chilometri che separano il Dall’Ara da Miami, ma le sei ore di fuso orario non frenano l’entusiasmo dei tifosi dalla Florida: “Guardiamo le partite tutti assieme qui al ristorante facendo colazione all’alba o pranzando”- chiosa Wendy. “Quando perdiamo ci confortiamo dicendoci che abbiamo una bella squadra, quando vinciamo apriamo una bottiglia di Lambrusco, anche se sono solo le 9 di mattina!”.

 

 

SHARE