martedì 28 Gennaio 2020 - h 17:18

SHARE

Bfc 365: ieri l’incontro con le società che hanno aderito al progetto

Ieri si è svolto un incontro, presso il Centro Tecnico Niccolò Galli di Casteldebole, tra la dirigenza del Settore Giovanile rossoblù, rappresentato da Daniele Corazza, e i 52 Club appartenenti al progetto BFC 365. In occasione della riunione, è stato possibile confrontarsi sui vari temi riguardanti il progetto, per analizzare quanto è stato fatto bene e quanto si può ancora migliorare.

Il progetto BFC 365 è stato presentato il 18 ottobre del 2017 presso lo Stadio Renato Dall’Ara, e consiste in una collaborazione e una partnership tecnica costante che coinvolge le società di Bologna e provincia, con l’intento di migliorare il Settore Giovanile rossoblù, ma anche le società del territorio in generale, per un percorso di crescita finalizzato al miglioramento dei ragazzi, che potranno crescere sotto tantissimi punti di vista.
Per compiere ciò, è fondamentale il lavoro e la condivisione delle capacità professionali da parte del Bologna Fc, che mette a disposizione tecnici e strutture di primo livello alle società del territorio, per un progetto senza eguali in Italia. In questo senso, sono stati organizzati più di 215 confronti riguardanti l’area tecnica; 67 per l’area organizzativa; 56 per l’area medica; 48 per la condivisione di teorie e metodologie di allenamento; 81 esperienze comuni sotto l’aspetto tecnico e, infine, tirocini presso il nostro Settore Giovanile, che hanno coinvolto 80 allenatori.
Per compiere le suddette attività, ci si è affidati a una metodologia di lavoro chiara, che comprende la creazione di un modello di preparazione atletica; continua formazione professionale dello staff tecnico; sessione di allenamenti personalizzati; creazione di un protocollo di valutazione funzionale; database di gestione infortuni e monitoraggio del carico di allenamento; nuova strumentazione per la valutazione condizionale; preparazione atletica dei portieri dedicata; monitoraggio somato-antropometrico ecc.

A giugno terminerà il primo triennio del progetto, che sicuramente verrà rinnovato e migliorato, sempre con l’intento di dare una chance a giovani calciatori, e perché no, trovare il campione del futuro.

SHARE